ALLA RICERCA DI OCCASIONI!

Cari lettori, 
Gherardo è uno studente come tanti, convinto però che le esperienze fatte durante il periodo universitario, sia in Italia sia all’estero, siano in grado di darci maggiori possibilità nel mondo del lavoro. Per questo ha fondato un blog volto alla condivisione di informazioni normalmente difficili da trovare, con esperienze di studenti con pro e contro e interviste a professionisti. Io stessa penso che studiare e lavorare all’estero mi abbia cambiato non solo la vita ma mi abbia permesso di aprirmi la mente. Magari oggi come oggi potrebbe sembrare inutile se tanto il lavoro in giro è poco, ma non per questo dobbiamo smettere di credere che le cose possano cambiare e che dobbiamo comunque investire nel nostro futuro. Come puoi vedere dai commenti del blog (http://academicinsight.it/about-me/what-users-say/), nel suo piccolo Gherardo sta riuscendo ad aiutare altri studenti, a volte anche neolaureati. Più sono i contributi e più il network si ingrandisce e con esso la voglia di aiutarsi l’un l’altro (due esempi di commenti: http://academicinsight.it/2012/10/11/avvocato-o-solicitor-la-scelta-e-possibile/ http://academicinsight.it/2012/08/22/come-coniugare-lo-studio-della-lingua-cinese-e-la-tua-passione-per-i-bambini/). Si creerebbe così un circolo virtuoso che andrebbe a vantaggio di tutti noi, scoprendo opportunità che neanche immaginavamo. Di seguito trovi il suo messaggio:
Ciascuno di noi è ambizioso, vorrebbe sempre il meglio e spesso ciò che incontra non lo soddisfa. Partiamo da un dato di fatto: per incontrare qualcosa di interessante,  occorre sperimentare e il periodo universitario è il migliore per farlo. Possiamo sbagliare, anche più e più volte, nessuno ci può licenziare.  Continua a leggere
Annunci

INCREDIBILE MA VERO: AAA CERCASI!

Cari lettori,

oggi pubblico un post diverso dal solito. Mi hanno chiesto di cercare alcune figure professionali quali: commerciali, addetti campagne pubblicitarie, disegnatori web e addetti campagne pubblicitarie. Ho saputo che un’azienda un espansione vorrebbe ampliare il suo organico e mi ha chiesto di aiutarli. Il mio compito è quello di raccogliere i curriculum e di sottoporli alla loro attenzione. Abbiamo deciso di collaborare nella ricerca di queste figure tramite il mio blog in quanto sono intenzionati a dare finalmente spazio ai giovani. Cosa ne dite? Io direi di iniziare a mandarmi il vostro curriculum e lettera di motivazione (bastano 10 righe) all’indirizzo bottonealessia1985@gmail.com. Per me sarebbe magnifico sapere che questo blog ha contributo ad aiutare qualcuno di voi ad inserirsi nel mondo del lavoro. Anche io mi sto proponendo a questa ditta per una collaborazione. Che dire?Speriamo bene!

A presto.

Alessia Bottone

C’È CHI DICE NO!

Ore 17.00. Squilla il cellulare. Una nota agenzia interinale dall’altra parte della cornetta. Evvai, un’offerta di lavoro! Incredibile. Mi spiegano di cosa tratta, sembra interessante. Cercano una ragazza che parli lingue straniere, etc. Ma…c’è un ma. Si tratta di uno stage. Chiedo se c’è un rimborso spese. La persona in questione risponde:”Immagino di si, ma non so quanto”. Bene, quando dicono così in genere non supera i 200, 00 Euro. No dico, per 200, 00 euro, io sto a casa perché tra autobus e un caffè al giorno per riprendersi ci rimetto pure! Ma anche se fossero 400, 00 euro io a questo punto rinuncio. Rinuncio perché di stage ne ho fatti 4, rinuncio perché nei 200, 00 non sono comprese le innumerevoli frustrazioni alle quali andrò incontro tipo: non mi formeranno, sarò sempre l’ultima ruota del carro e vivrò sei mesi con  ansia e con la speranza di essere assunta, cosa che fino ad adesso non è mai successa. Me lo ricordo ancora quello che mi dicevano i miei facoltosi amici parigini quando vivevo in Francia e mi vedevano uscire dalla salumeria dove lavoravo. “Alessia, tu non ti valuti, potresti ambire ad altro”Ed io rispondevo sempre, “..ma è normale fare questi passaggi, è la gavetta, vedrai poi dopo la laurea le cose andranno meglio…” . Continua a leggere

HO PERSO UN TRENO CHE NON É MAI PASSATO

Ciao Alessia,

Sono una ragazza di 27 anni  e vengo da Sorrento. Mi sono laureata  nel 2010 in Economia e ho  terminato un master l’anno successivo. Durante gli studi ho sempre lavorato per mantenermi: cameriera, baby sitter, assistente al porto, lezioni private..insomma ho fatto quanto ho potuto per non gravare troppo sul bilancio familiare. Ho imparato bene l’inglese lavorando qualche mese in Inghilterra come cameriera e il francese con dei corsi estivi. Subito dopo il master (uno economico, ma abbastanza formativo) non ho avuto troppi problemi a trovare lavoro: i colloqui sono stati tanti, ovviamente tutti per posizioni di stage, ma molti erano ben retribuiti, almeno secondo gli standard italiani, intorno agli 800 euro. Tra vari stage che mi sono stati offerti, ho accettato quello per una grande azienda di Milano; il lavoro mi piaceva, venivo seguita e in generale trattata bene e il rimborso spese mi permetteva di sopravvivere. Dopo un mese però  arriva la notizia che la sede di Milano sarebbe stata chiusa: non solo non ci sarebbe stato posto per me al termine dello stage, ma l’esperienza cominciava a non essere nemmeno più formativa dato che il mio tutor aveva ovviamente deciso di lasciare l’azienda. Non dispero però, qualche mese prima avevo saputo di essere stata prese per uno stage alla Commissione Europea e così a marzo parto per il Lussemburgo.  Continua a leggere

VOLETE LA FIDUCIA DEGLI ITALIANI? VOGLIAMO UNO DI QUESTI QUARANTENNI SENZA LAVORO IN PARLAMENTO!

Ciao Alessia,

mi chiamo Maria Serena, ho 38 anni e sono sposata con due bellissimi bambini, ma ahimè con gli stessi grandi problemi lavorativi. Voglio farti i miei più sinceri complimenti perché mi sono veramente commossa nel leggere la tua esperienza, la tua forza e determinazione e sono orgogliosa del tuo operato, anche se non ti conosco personalmente, ma e’ come se ti conoscessi. In breve, ho avuto tanti sogni anche io il liceo poi l’università’, dovuta abbandonare per la mancanza di risultati che mi permettessero di vincere borse di studio, quindi avendo un lavoro ho dovuto scegliere poi ho sognato la famiglia e con le unghie e con i denti  l’ho avuta. ho avuto tante esperienze di lavoro, dall’impiegata amministrativa, all’auditor interno per sistemi di qualità ISO 9001, per passare in un ufficio di customer service, dritta poi all’autoimprenditorialita’ per cinque anni, nel mentre e’ nato il mio secondo figlio, per poi finire in cassa integrazione, durante l’ultima esperienza come addetta alle vendite, pensa te adesso anche il commercio può richiedere la cassa integrazione!!!! Continua a leggere

RADIO3 E UNOMATTINA: LAVORO, SLA E WELFARE STATE

Cari lettori,

sono davvero contenta stamattina! Sono finalmente riuscita a parlare in diretta sia su Radio 3 e  Unomattina sia di lavoro e precariato che di disabilità e welfare state inesistente. Sono contenta perché sono mesi che cerco di trovare uno spazio per denunciare queste situazioni. Sempre emozionata di fronte alle telecamere, trovo la carica giusta dalle vostre storie e da quello che ci succede quotdianamente per prendere parola. Questa volta ho fatto un appello specifico: Cara Asl di Napoli, dove sono finiti i lettori oculari per i malati di Sla della vostra città? Perché l’anno scorso ci avete detto che ne avremmo ricevuto uno e da un anno e mezzo non abbiamo più vostre notizie? I malati di sla, possono comunicare con il mondo esterno solo tramite una macchina. La tecnologia ha pensato a loro. Ora mi chiedo lo Stato ci pensa mai?. Allego i link delle trasmissioni! Buona visione/ascolto!

Radio 3 Prima Pagina Podcast ; Unomattina- Storie Vere

Alessia Bottone