TFA SPECIALE: UN’ INGIUSTIZIA TUTTA ITALIANA!

scuolaCiao Alessia,

so che è una questione troppo specifica ma vorrei comunque portarla alla tua attenzione: sto conseguendo l’abilitazione all’insegnamento dopo aver superato una durissima selezione e atteso quattro lunghi anni, affinché sbloccassero le abilitazioni rimaste ferme dal 2008 (io mi sono laureata in lettere nel 2007). Per farla breve ora il MIUR sta mettendo in atto la sanatoria più grande nella storia della scuola italiana, concedendo tramite l’istituzione di percorsi abilitanti ‘speciali’ l’abilitazione all’insegnamento a decine di migliaia di insegnanti senza alcuna preselezione (quelle che si sono fatte praticamente per anni, già a partire dalle SISS, e alle quali moltissimi di loro hanno avuto più di una possibilità di accedere) sulla esclusiva base della loro anzianità di servizio, cosa che non si vede in nessuna professione, vanificando così il valore della selezione a cui ci si è sottoposti in tutto questo tempo, e contando che nella procedura concorsuale regolare di quest’anno (TFA ordinario) chi ha svolto periodi di servizio nelle scuole è stato di fatto agevolato poiché ha avuto tranquillamente la possibilità di inserirli tra i titoli valutabili al momento delle prove, ottenendo così un punteggio maggiore di un neolaureato o di chi queste supplenze non le ha mai accumulate per la sfortuna di non trovarsi nella provincia ‘giusta’ o perché privo di conoscenze nella scuola privata ‘giusta’. Dunque, dov’è il merito? Perché una parte della popolazione ha dovuto da sempre sottoporsi a una selezione, e un’altra parte deve conseguire un’abilitazione per diritto divino? Continua a leggere

Annunci