Lettera al Ministro Fornero

Buongiorno Ministro Fornero,

mi chiamo Alessia Bottone, ho 26 anni e sono disoccupata. La mia storia è stata già raccontata da alcuni giornali, ma vorrei parlarne anche con Lei. Dopo aver lavorato come cameriera da quando avevo 16 anni, dopo essermi laureata, dopo aver abitato in sette paesi diversi facendo stage non retribuiti, dopo aver imparato l’inglese, il francese e lo spagnolo e dopo aver fatto un tirocinio alle Nazioni Unite, sono tornata in Italia perché ho finito i miei risparmi ma anche perché speravo di riuscire a inserirmi nel mondo del lavoro. Nella realtà sono disoccupata da sette mesi, lavoro due giorni al mese come cameriera (se mi chiamano). Le agenzie interinali dicono che non c’è nulla per me, il Centro per l’impiego dice che sono sprecata in Italia, molti rispondono che la mia laurea non serve, altri dicono che avendo viaggiato molto sono una persona instabile. Ho mandato 200 curriculum per candidarmi come hostess e promoter ma mi hanno detto che sono troppo bassa. Volevo fare le pulizie, ma ero troppo laureata. In molti guardano il mio curriculum e mi dicono che sono fortunata perché ho meno di 29 anni e quindi ho almeno la possibilità di essere assunta come apprendista. E se ne avessi 31? Ho chiesto ad una banca un finanziamento per pagarmi un altro stage all’estero e mi hanno risposto che potevano aiutarmi solo se volevo comprarmi un computer, ma non se volevo farcela da sola in Svizzera. Ho pensato di fare la commessa, ma persino vendere in un negozio è diventato un lusso. Un lusso perché si guadagnano 300 euro al mese in stage. Ed io non me lo posso più permettere di vivere con 300 euro al mese. Ed è proprio di questo che vorrei parlarLe. Vorrei chiederle perché fino a quattro anni fa una commessa poteva essere assunta come apprendista ed oggi invece si sente l’esigenza di “formarla” tramite un tirocinio? Perché una segretaria ha bisogno di fare lo stage dopo il diploma per poi non essere assunta? Perché a 27 anni, dopo aver fatto quattro stage mi dicono che sono una risorsa da formare? Spesso diciamo che lo stage si fa per fare curriculum. Il mio cv adesso è composto da quattro pagine, ma adesso mi dicono che è troppo lungo e che bisogna accorciarlo. Io ci ho creduto. L’ho ascoltata mentre parlava con Fabio Fazio il 18 Marzo 2012 a “Che tempo che fa”. Le Sue parole sono state “Lo stage è formativo, quando studi, quando hai finito lo stage non è più consentito; se volete qualcuno lo pagate”. Sono d’accordo con Lei e penso anche che uno stage di sei mesi per insegnare ad un ragazzo o ad una ragazza a piegare le magliette e a venderle sia un po’ eccessivo. Al contempo credo sia surreale chiedere ad una ragazzo che ha seguito, dopo gli studi universitari, un Master di 10.000 euro per poi “assumerlo”come stagista offrendogli 300 euro al mese per 12 ore di lavoro giornaliere. Tanto valeva andare a fare la commessa sei anni fa senza chiedere ai genitori di mangiare pane e cipolla per anni.

E allora Ministro io mi chiedo perché non ha considerato nella riforma la necessità di contrastare con urgenza l’uso distorto degli stage? Forse perché è lo stesso Ministero degli Affari Esteri (MAE CRUI) che promuove tirocinii non retribuiti post-laurea che non hanno scopo di assunzione. Perché si investe solo in borse di studio per mandare i ragazzi all’estero a studiare, a fare stage senza pensare a chi poi è obbligato a tornare, a chi non può partire. Perché le Università, ma anche le scuole superiori si danno da fare per inviare i ragazzi all’estero se poi devono vederli tornare con un pugno di mosche in mano? Ho letto il testo della riforma. Per ciò che concerne lo stage si richiama la Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano a definire linee guida(quindi non vincolanti) in materia di stage entro 180 giorni dall’entrata in vigore della legge. Procrastinare un problema così urgente non è la soluzione. Come possiamo chiedere ad un negozio di non far lavorare per sei mesi una commessa a bassissimo costo se lo Stato stesso non da l’esempio?

Ministro, noi ci sacrifichiamo, ma abbiamo bisogno di risposte concrete. La situazione non è più sostenibile e non tanto perché non abbiamo un riscontro economico, quanto perché al mattino ci svegliamo e sentiamo che ci manca qualcosa: la dignità!

Alessia Bottone

Lettera al Ministro Fornero 

Annunci

28 thoughts on “Lettera al Ministro Fornero

  1. E una vergogna cercare lavoro e sendirsi dire se vuoi venire a lavoro io pago a 30 euro al giorno perchè ho due albanesi che vengono con la loro macchina senza darmi nessun fastidio…. noi italiani trattati come schiavi da questa gente schifosa che si sente forte grazie alle leggi inutili nel nostro paese…perchè dichiarano di darti 40 ma in realta se vuoi ti danno 30 altrimenti stai a casa che tanto gli stranieri vengono…poi cè da dire anche che nell’agricoltura riescono in questo perchè nulla è dimostrato non è come l’industria che devono pagarti tramite bonifico in agricola no ti pagano per contanti in modo che tu povero schiavo non puoi dimostrare nulla servirebbe anche all’agricola l’obbligo di pagare tramite bonifico ma sporatutto leggi e controlli più severi..ma questo è impossibile finquando ci sara dei ladri che dirigono il paese VERGOGNA
    Condividi su Twitter
    0
    0

    antonio4962da

  2. Pingback: Lavorare gratis (o quasi), ecco l’universo dei senza stipendio | Blue planet heart

  3. cara dolce AGUZZINA, hai mai pensato che un giorno ti verrà presentato un conto irreversibile per le tue opere d’arte così ben studiate e articolate di dettagli sottili a doppio taglio per incidere non solo sui cervelli della gente ma distruggere ogni forma di vita cellulare iniettando nel DNA solo MORTE PURA, DIABOLICA risucchiando ogni goccia di sangue ancora rimasto? Non esisti solo tu, pensa un po se un giorno si capovolgono le sorti e tu sarai al posto nostro? Lavorando 40 anni fin dall’eta di 15 anni senza alcun ricompensa se non quasi un assegno sociale (per chi non ha mai lavorato) a 59 anni compiuti, ammalata che non puoi fare nessunisima altra scelta se non opzione donna e vai per forza in pensione con 530 euro mensili. GRAZIE DI AVERMI CIUCCIATO TUTTO ANCHE IL MUTUO NON PAGHERO PIU ANZI VENDERO LA CASA PER POTER MANGIARE E CHISSà DOVE ANDRO A DORMIRE. GRAZIE A OPZIONE DONNA 2015 CHE NON RISPARMIA NESSUNO ALLA SUA TIRANNIA, SEI PROPRIO PIENA DI BONTA’ CON ILTUO DOLCE ALLEATO MONTI. MA CERTO TU SEI ABITUATA SOLO AI NUMERI MATEMATICA DIABOLICA anch io lavoravo in Ragioneria del MEF per tanti anni ma ora spezzo le catene e mi sgabbio da questi numeri che mi fanno solo ammalare. GRAZIE ANCORA. MA FAI QUALCOSA CAMBI LA VECCHIA LEGGE DI OPZIONE DONNA ABBASSA QUESTE PERCENTUALE FAMMI VEDERE IL TUO CUORE SE C’è ANCORA…….

  4. Mi chiamo Paolo Mancuso ho 56 anni la ditta dove lavoravo è chiusa nel marzo 2011 ,non ho più mobilità ne reddito ,ne vitalizi ne pensioni d’oro ,come le avete voi politici dai mille privilegi ,non riesco più a trovare un lavoro che mi permetta di vivere dignitosamente ,grazie alla sua legge non posso andare in pensione pur avendo 32 anni di contributi e non riuscendo a trovare un lavoro ,non riuscirò più a versare un solo giorno di contributi ,di conseguenza il mio destino è segnato come quello di migliaia di cittadini Italiani nella mia stessa situazione ,ma io volevo chiederle ma prima di fare una legge non vi aggiornate sul modo di come vivono i cittadini Italiani delle possibilità lavorative che ci sono in questo paese? dei soldi che spreca la politica ? Di tutti i privilegi che avete voi ,e chiedete sempre ai cittadini di fare sacrifici? Ma perchè non camminate con le vostre auto invece di andare in giro con le auto blu? Ma perchè non vi tagliate i stipendi come i 5 stelle ? Ma perchè non cercate di creare posti di lavoro ,invece di sperperare denaro dei contribuenti onesti e non ladri come voi ,ma come mai tutti i politici indagati non vengono buttati fuori a calci nel culo da Montecitorio ,ma a cosa servono tutti questi senatori a vita ,non basta che è una vita che rubano soldi ,fino alla morte li dobbiamo avere sopra i coglioni? Ma lei la note riesce a dormire tranquillamente ,con tutte quelle persone che si sono tolte la vita per causa sua? Io spero tanto di no ,mi dica ma è giusto che sua figlia non sia andata in pensione a 67 anni e 10 mesi come state facendo con noi? Oppure in questo paese ci sono due pesi e due misure ,siete solo dei delinquenti legalizzati ,spero proprio che voi e tutti quelli come voi la pensione non ve la godiate affatto se lasciate tutto cosi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...