HO UN LAVORO: STO CERCANDO LAVORO

jobHo una domanda che mi assilla. Da quando siete disoccupati vi è capitato di sentirvi dire “Ma che faccia stanca che hai? Cosa avrai mai fatto tutto il giorno?Sempre li a letto con quel pc? Hai visto l’ultimo sketch di Crozza?”

Oggi colgo l’occasione per rispondere a tale questione. In genere la mia giornata base ci compone così: Sveglia verso le nove, sono ancora senza occhiali e già accendo il maledetto smartphone che ho ribattezzato con il simpatico nomignolo di merdaphone perché non funziona mai ed è più rincretinito di me alla mattina  e controllo subito le email! Nessuna risposta, nessuna email di lavoro. Mi lavo e ascolto In the end dei Linkin Park e la dedico ai responsabili risorse umane che continuano ad ignorare la mia registrazione all’anagrafe e quindi la mia esistenza. Poi ricomincio, mando cv, mi collego , mi batto per arrivare prima nel rispondere ad annunci di lavoro che ormai sembrano slogan del tipo” Ai primi 100 cv possibilità di colloquio reali e batteria di pentole inclusa”, poi mi iscrivo a tutte le agenzie interinali del mondo (adesso mi sto dedicando alla Valle d’Aosta e al Canton Grigioni in Svizzera), poi richiamo i responsabili risorse umane del mondo che come sempre sono in viaggio spirituale in India e non possono rilasciare dichiarazioni.

Ma se c’è una cosa che faccio in particolare è rispondere ad annunci di lavoro che non prevedono solo l’invio del curriculum, lettere di motivazione, lettere di referenze, fotocopia carta di identità per accertarsi che sia tu ad inviare la candidatura (Eh già perché non si sa mai, magari avete un ex burlone che vi sta candidando per uno stage in Liberia) ma anche il famoso modulo di candidatura con domande talmente sadiche e inutili da avvilire qualsiasi candidato. In genere si aggirano sulle 10 pagine di domande non personali di più, che aiuteranno l’azienda a capire chi siete. Che poi a me verrebbe da dirgli ma cosa vuoi capire te che io stessa faccio fatica a capirmi ma credo sia superfluo.

Ecco a voi la classifica del formulario perfetto:

1) Problemi di salute? A ridaglie! (Tiè)

2) Vegana o vegetarina? Stai cercando di capire se risparmierai sui buoni pasto? No ti prego spiegacela questa!

3) Allergie? Si alle domande idiote!

4) Hai mai abitato da solo? No fino a che mi date la mancia come stipendio, se me lo date.

5) Sai cucinare? Il bando è per i 18-35 anni. O so cucinare almeno un uovo o sono deficiente.

6) Disponibilità a trasferte all’estero? Vedi altra soluzione compare??!

Che poi vogliamo parlare della lettera di motivazione? Oggi te la chiedono anche al Mc Donalds? Cosa gli vogliamo scrivere? E’ sempre stato il mio sogno diventare un gira-hamburger! Io preferirei essere onesta e un bel “Mi sono reso conto che mia nonna aveva ragione: lettere non serve a un cazzo” secondo me funzionerebbe  meglio!

Poi dopo aver risposto ed inviato centinaia di modelli via email, posta, piccione etc, mi dedico alla scrittura di articoli assolutamente gratuiti (Sono giovane a cosa mi serve uno stipendio?) e da oggi ho un nuovo hobby! Mi sono comprata persino delle piante da mettere sulla finestra così magari mi responsabilizzo, imparo a prendermi cura di qualcuno e non mi sento più una bambocciona!

La serata si conclude mentre mi addormento a letto abbracciata al pc, smartphone e compagnia varia nell’attesa di una vibrazione, cioè il miracolo di un messaggio oltreoceano che dica Sei assunta! Dulcis in fundo alle ore 23.30 parte l’ultimo caffè della notte perché oltre a questo Blog ne curo un altro sull’amore precario che mi ha portata ad una collaborazione con un altro mensile e e vado avanti a scrivere fino alle tre di notte. Morale della favola: Io ho un lavoro: sto cercando lavoro!

Alessia Bottone

Annunci

13 thoughts on “HO UN LAVORO: STO CERCANDO LAVORO

  1. Ti racconto un aneddoto di poco tempo fa:
    mio zio, dopo il ritiro della patente, era stato licenziato dalla ditta dove lavorava (non importa che la legge fosse dalla sua parte e avesse il diritto alla conservazione del posto di lavoro: un sindacalista lo ha letteralmente costretto a firmare una lettera firmata la quale accettava il licenziamento anche senza giusta causa, ti risparmio i dettagli per non allungare il commento, cmq da allora ho capito che i sindacalisti, se vogliono, possono essere dei veri e propri parassiti). Mesi passati a pregare che le agenzie di lavoro lo chiamassero, sempre più preoccupato perchè il periodo in cui poteva ricevere assegni di mobilità stava per terminare, finalmente un altro zio gli dice che un giardiniere di sua conoscenza cercava un aiutante. Ricevuto il numero di telefona, lo chiama e in quattro e quattr’otto venne assunto. Giusto una settimana dopo commenta che non capisce come mai non riesco a trovare lavoro, lui lo ha trovato dopo i 45 anni…
    Gli ho risposto che A ME, nessun CONOSCENTE è venuto a dire che qualcuno cercava qualcuno a cui dare da lavorare.
    Morale della favola. non possiamo ovviamente fare a meno di tentare di trovare uno straccio di lavoro tramite i motori di ricerca in internet, purtroppo la via migliore è la ricerca fuori di casa, e SOLO tramite un contatto, anche il più flebile e fievole, che possa “garantire” che sei brava. Senza quel contatto, sei solo un nome sconosciuto, assumerti è un rischio…

    • Questo vale in Italia come da qualunque altra parte del mondo, fidati!

      Magari la differenza e’ che all’estero non si traduce come assunzione diretta, ma come raccomandazione, a volte le società ti pagano se riesci a fare assumere una persona che tu hai segnalato.

      • è vero, lo avevo letto su Italiansinfuga. è un modo diverso di dare significato all’avere conoscenze…

  2. io lavoro solo 3 mesi estivi se tutto va bene…durante l’inverno la gente ti dice : stai lavorando?? io : no … loro ( con aria stupefatta) : perchè???? ed io : ma abitiamo nella stessa italia o la vostra è diversa????

  3. Questa mattina ho avuto un colloquio con Telefonica. Ho dovuto fare 5 diversi test online. 5.

    Il primo sulla personalità. 144 voci da mettere in ordine. A parte che non ho capito la differenza da “mi sento a disagio se devo guidare un team” a “non sono a mio agio nella leadership di un team” e cose simili, impiego mezz’ora e le sistemo.

    Il secondo con 25 domande da rispondere in 12 minuti su un breve caso aziendale. Quote societarie, bilanci, spese, e così via. Non penso di essere arrivato alla fine. Ma penso di aver fatto bene.

    Test numero 3. Altri dati aziendali da analizzare, solo che stavolta invece di numeri si trattava di un report da leggere tutto d’un fiato (sempre 12 minuti davano per questa task), per poi rispondere alle domande poste. Che tipo di strategia usa la sezione bla.. bla.. bla..

    Qui arriva il bello. Quarto test: una simulazione di lavoro al computer. Dovevo stare davanti ad una casella e-mail e poi rispondere in 15 minuti a [numero random] di e-mail che mi arrivavano. Dovevo sostituire un manager, e quindi dovevo rispondere, inoltrare, inviare tutte le e-mail che arrivavano alla casella postale. A parte il fatto che un manager con una casella di posta così disorganizzata non s’era mai sentito, ma poi che cosa volevano valutare?

    Ultimo test: il più classico dei classici. Il test di logica, quello dove devi riconoscere l’intruso, per dire.

    Risultato? Un’ora persa a stare dietro a queste minchiate vintage.
    Cosa vinco se vinco? Un colloquio personale, con tanto di possibilità di rifare i test davanti a loro per certificare che non abbia copiato.

    Gian

  4. Io sono laureata in Giurisprudenza, possiedo due diplomi, la maturità scientifica e il Diploma magistrale, ho sempre lavorato presso un azienda di famiglia perchè non trovavo mai lavoro, solo 2 anni interi ho insegnato presso una scuola primaria, lì ero felice facevo il lavoro che più desideravo, ma solo perchè ho tolto il mio bambino che era iscritto presso quella scuola ma nel ramo della materna, non mi hanno più riconfermato perchè non ritenevano che una che insegnava lì doveva mandare i figli da un’altra parte, ma la qualità della scuola non era buona ed io ho preferito così. Da allora non ho trovato più niente se non delle saltuarie lezioni private.
    Adesso sono un pò sfiducia ho 45 anni ed ho tanta paura di non trovare più niente 😦

  5. Derar direttore permesso di presentarmi, io sono osakwne hillary da Bergamo, ho 27 anni di età bambino, alla ricerca di qualsiasi tipo di lavoro,io ho esperienza di lavoro e ho lavoro prima in hotel, pulizia, anche compagnia, per favore ho bisogno di aiuto per vivere bellte vita: contattatemi mr.mike_s@yahoo.com Dillo a 393512237677

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...