DA LONDRA ALLA SICILIA: I PERCHÉ DEI NOSTRI GIOVANI!

 

Perché ci fanno studiare per diventare dei professionisti se poi nella realtà dei fatti siamo di fronte alla solita casta? Perché dobbiamo spostaci all’estero (lasciando casa, famiglia, amici) per trovare un lavoro serio? Perché devo contare sui nonni per crescere le mie figlie e non posso farcela da sola? Perché in Italia la figura di insegnate di italiano per stranieri non è riconosciuta dalla legge? Perché la specialistica in Lingue è una ripetizione esatta degli esami della triennale, con la stessa bibliografia e quindi…non è una vera specialistica? Perché devo immaginare di donare il mio cervello in un’altra nazione diversa dall’Italia? Che interesse si ha a rischiare di perdere intere generazioni?perché devo vivere all’estero e non nel mio paese per poter avere un impiego decente? Perché state facendo andar via tutti i giovani talenti dal nostro bellissimo paese? Perché lasciamo che in Italia si muoia di precariato? Perché mi sono rotto le……?! Perché non ridurre la pressione fiscale e dare la possibilità alle aziende di creare posti di lavoro aumentando così la produttività delle aziende stesse senza sovraccaricare i lavoratori con turni extra? Perchè non possiamo andare tutti all’università? Perchè se vuoi studiare devi avere soldi? Perchè l’università non accetta chi ha voglia di fare e di imparare? Perchè questo mondo funziona solo apparentemente per MERITOCRAZIA? Perchè a 40anni sono ancora a tempo determinato? perchè faccio un  lavoro che non volevo? perchè della mia laurea non me ne sono fatta  niente? perchè devo contare sui nonni (anche economicamente) per  gestire i miei figli? perchè non posso comprare a mio figlio il regalo  che vuole a natale? Perchè lavoriamo in due (per fortuna) in famiglia,  …ma non arriviamo a fine mese? Perchè in un anno il costo di benzina,  gpl e metano è raddoppiato e nel resto d’europa no? perchè gli asili  statali sono così abbandonati da doverci autofinanziare (noi genitori)  anche le salviette per il bagno, i colori, i fazzoletti da naso?  Perchè mandare un figlio all’asilo nido, retta comunale, depriva una  famiglia di un terzo di uno stipendio? perchè? e mille altri perchè? Perchè a 28 devo ancora firmare contratti da stagista o contratti che non mi permettono di farmi una mia famiglia???ricordo che il lavoro é un diritto!!!sempre se si ha la fortuna di trovare un lavoro….Perchè per avere un lavoro bisogna essere figli di..?Perchè la figlia della Signora Fornero è diventata  a soli 37 anni professoressa universitaria?Perchè i figli dei ministri,ex ministri,parlamentari.. chi più ne ha più ne metta sono arrivati cosi in alto? per meritocrazia forse???Perchè i miei genitori hanno ancora davanti a loro piu di 20 anni di mutuo mentre i politici attingono dal finanziamento pubblico per potersi comprare i super villoni???Perché oggi l’unica soluzione sembra essere quella di fuggire all’estero? Perché sento dire dai miei amici che sono “stufi” dell’Italia e li vedo fare le valigie e andarsene? Perché veniamo considerati schizzinosi e fannulloni anziché una risorsa fondamentale per il nostro paese? Perché se una donna ad un colloquio di lavoro dice di volersi sposare o avere dei figli si gioca la possibilità?
Annunci

3 thoughts on “DA LONDRA ALLA SICILIA: I PERCHÉ DEI NOSTRI GIOVANI!

  1. PERCHÉ IN ITALIA NON ESISTE IL

    REDDITO MINIMO GARANTITO,

    CHE GARANTISCA UN MINIMO DI STIPENDIO STATALE ALLE PERSONE DISOCCUPATE, MA CHE STIANO EFFETTIVAMENTE CERCANDO LAVORO?

  2. Pingback: Lavoro, crisi, giovani. Due ragazzi lanciano la campagna “Perché?” « Jesous

  3. Potrebbe essere semplice vincere questa crisi: da domani in poi si pagherà tutto con bancomat,carte di credito o con le nuove tecnologie già esistenti ma non ancora sfruttate per questo scopo. Facendo così si potrebbe programmare una riduzione dell’iva dal 21 al 10% in 5 anni. Inserire leggi severissime su chi evade e chi ruba, chi frode, chi si appropria di soldi non propri. L’Italia ha bisogno di leggi severe e di buoni esempi ma questa generazione che ci governa è la stessa dei nostri padri: pensano sempre di avere ragione e di fare bene e sono abituati a convivere con ladri e furbetti. Anche il più onesto di loro sarà alla fine inglobato nel sistema della corruzione. Dopo trangentopoli (1992) non è stata emessa alcuna legge che potesse generare una maggiore garanzia di onestà e trasparenza. Sono passati 20 anni e non è cambiato nulla. Tocca alle nuove generazioni mandare a casa con un unico e assordante grido questi politici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...