SE IL LAVORO NON SI TROVA…

Cara Alessia,

anche io voglio raccontarti la mia storia, sarà sicuramente una valvola di sfogo, oltre che una condivisione con tutti gli altri. Ho 24  anni,mi sono laureata a dicembre scorso in studi orientali (laurea magistrale), ho studiato lingua e cultura cinese. Tutti dicevano che avrei svoltato, che il lavoro sarebbe stato assicurato, e ancora oggi, come sentono che sono disoccupata, mi dicono:” ma come?!  con una laurea in cinese?!”  ebbene, ti assicuro che questa laurea non ti aiuta. Lo ho scoperto solo ora. Sono mesi che cerco lavoro (da maggio per l’esattezza, prima ho fatto una esperienza in Cina si perchè, oltre alla laurea ho anche accumulato soggiorni studio/tirocinio in Cina, ma nemmeno questo, evidentemente, basta). Penso che potrei scrivere un libro per tutto quello che mi  è capitato, ma vorrei raccontarti solo un paio di esperienze:
1_ ho passato un pomeriggio a litigare al telefono con una agenzia interinale che non voleva darmi un lavoro perchè, a detta loro, abitavo troppo lontano dalla sede (io sono di Roma, il lavoro era a Latina, all’incirca 100 km….), come se non fosse una mia scelta il fare o non fare la pendolare. E’ stato bruttissimo, mi sono sentita umiliata, e cercavano anche un profilo analogo al mio! L’occasione di un lavoro mi è stata tolta così, perchè non avevo appoggi a Latina.
2_ Io ho esperienza nel campo della mediazione culturale sanitaria. Ho potuto fare un tirocinio e poi del volontariato, posso dire di aver imparato un mestiere. Beh, ho visto una offerta di lavoro per una cooperativa di Torino che non ha voluto prendermi perchè non ho il diploma di mediatore (diploma che poi, cercando, ho scoperto che si rilascia solo agli stranieri) o la laurea in mediazione culturale ( ti dico solo che quelli che hanno studiato mediazione culturale hanno imparato il cinese dove lo ho studiato io, ne più ne meno, sempre alla Sapienza studiavamo). Un altro annuncio era a Roma, ma,  pur avendo l’esperienza richiesta, non ho visto ne sentito nessuno, e anche questo sogno è andato in frantumi. Vorrei tanto poter lavorare a tempo pieno per un ospedale o una cooperativa come mediatore culturale. Li dove l’esperienza c’è si vanno ad aggiungere fattori come la distanza o diplomi inutili che non ho. Che dire, a me pare che qui non ai aiutino i giovani, ma che si faccia di tutto per avvilirli,allontanarli, umiliarli… E’ colpa mia se non trovo lavoro? Sto spendendo anche soldi per un master che mi sono pentita amaramente di aver scelto, perchè si sono dimostrati assai poco seri. Dopo il tanto agognato master che tutti mi consigliavano rimarrò di nuovo da capo a dodici. Vorrei solo sapere cosa ho fatto di male… E se mai riuscirò a sistemarmi. Una sola cosa mi fa felice ora, ho deciso di inseguire un mio vecchio sogno e iscrivermi alla facoltà di psicologia. Il lavoro non c’è, tanto vale fare qualcosa di bello e utile, in attesa e nella speranza che qualcosa si smuova. Intanto gli anni passano e tra poco avrò 25 anni, e che qualcuno mi prenda a lavorare sarà ancora più improbabile. Forse alla fine me ne andrò davvero, non ne posso più di vivere in un paese così. Grazie per avermi ascoltata intanto.
Francesca

Annunci

13 thoughts on “SE IL LAVORO NON SI TROVA…

  1. prima di iscriverti a psicologia, fossi in te, rispolvererei i contatti che avevi all’estero e inizierei a spedire un pò di CV … posteggiarsi in una facoltà in attesa di tempi migliori, a mio avviso non è una bella soluzione, ma solo un rimandare il problema … senza risolverlo (come dici anche tu).
    E quei soldi per pagare l’iscrizione usali per viaggio e primo soggiorno all’estero.
    In bocca al lupo 🙂

  2. fai bene a emigrare ma valuta bene una seconda laurea serve a poco sopratutto se psicologia altro settore ormai pieno,master non servono,posso consigliarti una cosa in America cercano in alcune università insegnanti di cinese,se ti va di fare un dottorato che ti offre di insegnare e di migliorare il CV ti consiglio come me di svoltare in America,magari non è il tuo sogno ma pur sempre qualcosa fai una ricerca per le varie università ti rispondono subito,oppure valuta anche aziende straniere che commerciano con la Cina magari sai import export ti inseriranno nell’organico prova Germania,Francia,India nazioni che hanno una percentuale alta buona fortuna.

  3. Sei qui a lamentarti di non trovare lavoro con una laurea in cinese e intanto vai a iscriverti a psicologia?! Sono una laureata in psicologia e a meno che tu non abbia voglia di fare psicologia del lavoro ambito selezione del personale, area che ancora offre posti di lavoro (ma non so con quale tipo di contratti, visto che ho scelto il ramo sanitario) ti sconsiglio caldamente di gettare altri soldi al vento e, piuttosto, di seguire il consiglio di Pier!
    Certo mi stupisce non poco che persino la laurea in cinese non “serve”, però è vero, capita anche a me che, a parità di conoscenze, preferiscano un altro tipo di laurea…
    E poi c’era stato un imbecille, non ricordo più chi, che aveva detto che “i giovani non vogliono cambiare città per cercare lavoro per non allontanarsi da mamma e papà”, tu hai appena scritto che non ti volevano per la distanza di 100 km, a me un consultorio ha risposto picche per lo stesso motivo pur avendo dichiarato che ero disposta a trasferirmi e avevo contatti a Roma (sono di Verona)…
    Non so cosa dire, non so dov’è che stiamo sbagliando. In Francia, se i giovani alzano la voce, ottengono risposte e vittorie (la cancellazione della legge che consente il licenziamento senza motivazione di giovani di età inferiore ai 27 anni, il pagamento, o almeno il rimborso spese obbligatorio per gli stages…), qui, a una timida protesta in piazza, rischi di beccarti una manganellata e lo sputtanamento ai telegiornali…

  4. Anch’io come te ho studiato lingua e cutlura cinese ma differenza tua ho una laurea triennale. Tutti che mi dicono “come puoi non lavorare se conosci il cinese?” “il cinese è la lingua del futuro!”… e invece… invio ogni giorno curriculum per qualsiasi tipo di lavoro ma nessuno mi chiama, chi si lamenta della distanza (si parla di 30 km), chi della mancanza di esperienza (mi sono laureata 3 mesi fa!)… l’Italia dello schifo!!!!!!

  5. Cari ragazzi, io ho deciso di inseguire un mio vecchio sogno… Forse sto sbagliando, ma tutte le scelte sensate fatte fino a oggi non mi han portata da nessuna parte. In Cina ho mandato una valanga di curriculum, ma non mi han risposto perchè li le raccomandazioni sono peggio che qua… Il fatto che siamo in crisi nera non mi deve impedire di sognare, io continuo a cercare lavoro, certo non posso fare la studentessa a tempo pieno. Se qualcosa nel frattempo arriverà, ben venga. Ho tanta voglia di lavorare e di dimostrare il mio valore al mondo, nonchè di rendermi indipendente dalla mia famiglia. Credo che alla fine la soluzione, come mi avete detto, sarà puntare sulla Germania o sul Regno Unito… ANche se andarmene da qua non mi sembra affatto giusto.
    @Nel paese dei balocchi: nessuno può capirti più di me… Diamoci da fare!

  6. ma per piacere, ma non l’avete capito che siamo in troppi che vogliono fare il lavoro del laureato ??????
    Lo so è dura ma in campagna c’è pieno di lavoro e vedo che gli immigrati lo fanno volentieri.
    Negli ultimi vent’anni abbiamo visto troppi film alla hollywood.
    Diamoci da fare tiriamoci su le maniche dobbiamo a ritornare a fare lavori manuali a basso costo saranno la nostra salvezza.

    • nono alt.. forse mi sono spiegata male ringo.. io non sto quasi neanche cercando lavori “da laureata”.. ora come ora accetterei qualsiasi lavoro con uno stipendio fisso (anche 600€!!!!!)… hai ragionissimo a dire che non tutti possiamo fare lavori da laureati, specialmente a quest’età!! peccato che questo non è il mio caso… e… abitando a bergamo non ci sono nemmeno campagne che cerchino dei lavoratori… :/

  7. salve.sono laureata in biologia con molti stage formativi alle spalle e qualche corso di formazione non attinente il mio settore.a sei anni dalla laurea dopo aver inviato un’infinità di cv e non aver ricevuto risposta,posso confermare che più che i titoli si pretende tanta esperienza,e con esperienza a sua volta si intende non un tirocinio,bensì un lavoro.ma se usciti dagli atenei nessuno ci mette nelle condizioni di lavorare come si può pretendere di avere cinque o sei anni di esperienza?
    i master sono una lobby per allungare i tempi,e non sono la soluzione per trovare lavoro.già non ti pagano con la laurea,figuriamoci con master e specializzazioni,manderemmo in crisi un’azienda sotto il profilo stipendio!la verità è che i figli di papà della Bocconi e luiss che possono permettersi master di 15.000 euro e più trovano lavoro,ma non per merito o bravura,ma per soldi!cioè se vuoi il lavoro devi comprarlo.
    l’Italia è diventata una spugna che fa acqua da tutte le parti,ma non illudiamoci che altrove sia facile o semplice trovare lavoro.
    buona fortuna a tutti.

  8. Concordo quanto affermato da Francesca, anche io con laurea magistrale 110/lode in cinese e inglese, sono alle prese con un lavoro. Dicevano lo stesso anche a me “studi cinese”, ai visto bene, ormai tutta l’economia è in mano ai cinesi, sicuramente troverai lavoro……..invece eccoci qui a parlarne e forse senza speranza…..

  9. Salve, mi chiamo Errico e studio lingua e letteratura cinese. devo ammettere che è una lingua che mi appassiona molto, però gli sbocchi che questa laurea mi offre sembrano effettivamente pochi. ultimamente mi sento davvero deluso e amareggiato al solo pensiero che una volta finito troverò difficilmente lavoro. Io adoro le lingue, all’università studio cinese e spagnolo, ma privatamente studio anche francese,tedesco,e un po di giapponese. il Problema è che non so cosa fare..se continuare a studiare e laurearmi o sospendere, prendermi l’attestato HSK e andare all’estero. Non sopporto l’idea di essermi sacrificato, e di sacrificarmi ancora, per poi avere un pugno di mosche in mano. Ho 22 anni, sono già stato in Cina, e spero di riandarci quanto prima! Con questa laurea si diventa Sinologi, il che vuol dire che potrò insegnare,tradurre, fare la guida turistica, ma a quanto pare l’italia non è il paese che ti aspetta a braccia aperte. Che mi consigliate? cambio strada? io preferisco l’amara verità, almeno posso essere in tempo per salvare il salvabile. Grazie in anticipo.

    • Caro Enrico, capisco benissimo la tua amarezza… Che dire, io ho capito che a parte la crisi che indubbiamente c’è, la nostra laurea non è facilmente spendibile, in quanto col puro titolo di Sinologi si potrebbe giusto aspirare a un dottorato e poi chissà. Se vuoi un consiglio, ti direi di prenderti l’HSK e nel frattempo prenderti una laurea o un titolo più spendibile sul mercato del lavoro, poi eventualmente emigrare, se anche questo non bastasse. Purtroppo anche in Cina o altrove con la nostra laurea puoi fare ben poco in quanto poco pratica. In bocca al lupo per tutto!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...